Castagnino Rodolfo Artisti
 
Genova 1893 – 1978
 
Castagnino Rodolfo
 

Nato a Genova da una famiglia di artigiani frequenta, sin da ragazzo, intagliatori ed ebanisti dai quali apprende le prime tecniche dello scolpire. Si avvicina così all'arte da autodidatta, spinto dal suo stesso talento.

Il dipinto Colpo di vento segna il suo esordio nel mondo dell'arte, sebbene egli sia prevalentemente uno scultore.

Si reca spesso a Milano, dove prende parte ad una mostra tenuta all'Angelicum. Qui incontra Wildt, che costituisce per lui un saldo punto di riferimento.

Dal 1924 al 1942 partecipa a diverse edizioni della Biennale di Venezia. Verso la metà degli anni Venti la sua arte si orienta verso un sobrio naturalismo e, nel corso del tempo, si caratterizzerà per un certo gusto arcaicizzante.

Ammirato ed apprezzato da pubblico e critica ottiene importanti riconoscimenti in Italia e all'estero.

Realizza lavori molto interessanti quali: Risveglio, Sudanese, Il cappellino, Bambino nudo, La modella e Sogno.

Espone a Chiavari e a Modena esegue opere su commissione, tra cui il bassorilievo Madonna con Bambino, cinque bassorilievi in marmo ed il busto di Cesare Talassano per i giardini pubblici.

Nel corso della sua carriera si dedica anche all'insegnamento.

Sarà maestro d’arte a Milano e a Chiavari dove, a Palazzo Torriglia, gli viene dedicata una mostra antologica con opere di pittura e scultura.

Muore a Genova nel 1978.

 
CHI SIAMO ARTISTI MOSTRE-EVENTI NOVITÁ ACQUISTIAMO CONTATTI NEWSLETTER DOVE SIAMO