Mario De Maria Artisti
 
Bologna 1852 – 1924
 
Mario De Maria
 

Mario De Maria (Marius Pictor) nasce a Bologna nel 1852 da Fabio De Maria, medico e collezionista d’arte, figlio di Giacomo, scultore, allievo ed amico del Canova, e da Caterina Pesci.

I suoi studi iniziano con l’apprendimento della musica e solo più tardi frequenta l’Accademia di Belle Arti di Bologna. Grazie alle condizioni agiate della famiglia, compie numerosi viaggi e soggiorna nelle principali capitali artistiche europee. Tornato in Italia, a Roma, entra a far parte del gruppo “In Arte Libertas”.

Il primo vero successo arriva con una mostra del 1886, dove le sue opere sono molto apprezzate dalla Regina Margherita.

Il 14 luglio 1890 sposa Emilia Elena Voigt di Brema, figlia di Robert Voigt e di Wilhelmine Gerlach. Nel 1892 la famiglia, ad un anno dalla nascita del figlio Astolfo, che diverrà pure lui celebre ed affermato pittore, si trasferisce a Venezia, stabilendosi dapprima in un appartamento-studio alle Zattere.

De Maria s’inserisce con grande vitalità nell'ambiente culturale cittadino partecipando attivamente alle battaglie impostate dal Molmenti per la salvaguardia del centro storico, alle discussioni relative all'organizzazione delle prime Biennali e alla vita sociale e culturale alimentata dalla presenza di Gabriele D'Annunzio, Eleonora Duse, Mariano Fortuny, Angelo Conti e di molti altri artisti impegnati nell'obiettivo di fare di Venezia un punto di riferimento nel campo delle manifestazioni artistiche internazionali.

Il 1895 è l'anno del progetto per la facciata della sede espositiva della Biennale ai Giardini di Castello e della nascita della secondogenita Silvia.

Nel 1904 Silvia muore lasciando il padre in uno stato di prostrazione dal quale fatica a riprendersi; si rifugia così a Berna per curarsi. Con il ritorno a Venezia riprendono anni di grande attività e de Maria sembra tornato all'energia di un tempo. La nostalgia per la mancanza della figlia Silvia continua però a tormentarlo, decide quindi di dedicare alla sua memoria una casa-simbolo in stile neogotico, le cui finestre - i Tre Oci - alludono ai tre superstiti della famiglia.

I lavori di costruzione della Casa dei Tre Oci, di cui sono stati conservati i progetti e le fotografie, terminano nel 1913: d'ora in poi diviene questa la residenza veneziana della famiglia.

L'amicizia con i maggiori artisti così detti decadenti ed estetizzanti del tempo, tra cui D'Annunzio per cui illustrò l'Isaotta e Gattadauro, ha fatto annoverare il De Maria in questa scuola.

Le sue opere principali sono essenzialmente caratterizzate dalla presenza di notturni e di luci contrastanti. Ricordiamo Peste di Roma nel 600, Il fabbricante di scheletri, Monaci delle orbite vuote e Giornata Funesta.

Per Malipiero fece il frontespizio delle Sinfonie del Silenzio e della Morte. Curò anche le scene per la rappresentazione al Teatro Costanzi di Roma, nel 1914, dell'opera Canossa.

Passata la guerra, cambiati i tempi, scomparsa l’aristocrazia economica che aveva apprezzato i suoi quadri, forse un po' dimenticato dalle nuove generazioni, si spegne a Bologna a 72 anni di età.

 
CHI SIAMO ARTISTI MOSTRE-EVENTI NOVITÁ ACQUISTIAMO CONTATTI NEWSLETTER DOVE SIAMO